Fiducia delle imprese ai massimi da 18 mesi

imprese_costruzioniAnche se il 2013 è stato un anno fondamentalmente negativo per le imprese italiane, la chiusura dell’esercizio è stata meno pessimista di quanto si potesse immaginare appena pochi mesi fa. A dicembre, infatti, il livello della fiducia del tessuto imprenditoriale è salito ai massimi livelli da luglio 2012, con un valore calcolato dall’Istat che si attesta a quota 83,6 punti, rispetto a 83,4 punti di novembre.

Sempre secondo quanto affermato dall’istituto statistico nazionale, la crescita della fiducia rifletterebbe l’incremento dell’ottimismo nelle imprese manifatturiere e dei servizi di mercato e, soprattutto, il significativo sviluppo del settore delle costruzioni. Rimane infine stazionaria la fiducia delle imprese del commercio al dettaglio.

Ancora più nel dettaglio, l’Istat ribadisce come l’indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere sia aumentato dai 98 punti di novembre ai 98,2 punti di dicembre, mentre per quanto attiene l’analisi del clima di fiducia per raggruppamenti principali di industrie, il miglioramento dell’indicatore riguarda sia i beni di consumo (da 97,6 punti a 98,9 punti) che i beni intermedi (da 99,2 punti a 101,1 punti), ma non i beni strumentali (da 97,7 punti a 95,2 punti).

Come anticipato, i risultati più confortanti sembrano provenire dalle imprese di costruzione, con un indice di fiducia che sale da quota 80,4 punti di novembre a 82,6 punti di dicembre. I giudizi sugli ordinativi o sui piani di costruzione migliorano da quota – 45 a quota – 42, mentre le aspettative sull’occupazione rimangono stabili intorno a quota – 21.

Infine, l’indice del clima di fiducia delle imprese dei servizi sale da 80,5 punti di novembre a 80,6 punti di dicembre, con miglioramento dei giudizi da – 24 punti a – 20 punti, ma peggioramento delle attese sugli ordini, da – 10 punti a – 11 punti.

In ultimo, nel commercio al dettaglio l’indice del clima di fiducia si conferma sui valori del mese di novembre, con peggioramento nel comparto tradizionale, e stabilità nella grande distribuzione organizzata. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi dei valori degli indici, anche nel corso dei primi mesi del 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *